BETTY VIVIAN


"Ci sono viaggi in paesi lontani che portano il segno dentro di noi per sempre.
Può essere una piacevole usanza appresa durante una vacanza e mai più lasciata una volta tornati a casa, può essere un modo di sentire le cose che è cambiato per sempre grazie alle persone del posto che abbiamo incontrato. E possono essere i colori e i paesaggi di cui ci siamo innamorati e che finiscono per mancarci per sempre, col ricordo che va a un nuovo luogo del cuore, vissuto in un particolare momento della giornata, cercando di ricordarsi i profumi di una natura diversa dalla nostra.
 
Questo è il caso dell'artista Betty Vivian e dei suoi ricordi, che continuano a vivere dal Brasile con amore sulle sue coloratissime tele, dalla terra che l'ha ispirata e addirittura incoraggiata a continuare nella pittura a un certo punto della sua vita.
 
E la tavolozza dei colori di Betty Vivian ci porta proprio lì, sulle spiagge e tra le foreste brasiliane, dove la luce e la temperatura sono vivide e accese in un lussureggiante tripudio naturale di foglie e frutti. Il colore non presenta una texture materica ma liquida, stemperata in una fluidità che nulla toglie alla vivacità della palette della pittrice.
 
La saudade si fa sentire nelle raffigurazioni piene di affetto nei confronti del Paese che la accolse con la famiglia: il Brasile di Vivian è ancora lì, trasportato dal ricordo alla tela, con soluzioni fortunate.
 
È infatti una pittura che mette allegria, spensieratezza e restituisce gioia di vivere, esattamente i sentimenti che allacciano l'artista alla sua vita brasiliana.
 
Senza dimenticare che serve bravura per rappresentare la felicità in pittura, e quella che per esempio esplode nel sorriso dell'esile giovane sulla spiaggia, nel“Pescatori di futuro” di Vivian, già dal titolo ci rimanda alla contentezza di esser vivi, che non è poco."
VITTORIO SGARBI